THANKSGIVING DAY, CONOSCIAMO MEGLIO LA FESTA DIVENUTA GRANDE TRADIZIONE AMERICANA.

 Tradizioni americane che arrivano in Europa? Il T-Day è arrivato anche da noi.

Cos’è? Perché si festeggia?
Il Thanksgiving Day, o Giorno del Ringraziamento, è una festa di origine cristiana americana che viene festeggiata il quarto giovedì del mese di novembre (quest’anno è caduta il 22 novembre 2018) per essere grati a Dio del cibo e del raccolto ricevuti durante l’anno in corso.
Il primo Giorno del Ringraziamento risale al 1621, quando a Plymouth (Massachusetts) i Padri Pellegrini, scappati l’anno prima dall’Inghilterra per motivi religiosi e approdati nel Nord America, impararono i segreti sulla coltivazione della nuova Terra dai nativi americani del posto. Il primo raccolto di successo venne festeggiato con una grande festa, alla quale parteciparono i coloni e alcuni indigeni.

Perché si festeggia in un determinato giorno?
La festività venne ufficializzata nel 1863 da Abramo Lincoln, il quale, scelse come giorno in cui celebrare l’ultimo giovedì del mese di Novembre, in modo tale da unificare tutte le colonie (eccetto per il Canada dove si celebra il secondo lunedì di Ottobre). Da quel momento in poi il T-Day divenne annuale, però, con il passare del tempo, questa ricorrenza fissa perse mano a mano il suo significato religioso.

Perché si cucina il tacchino?

La storia dei tacchini risale agli Aztechi che diedero in dono questo volatile ai conquistadores approdati nelle loro terre. Successivamente i coloni sparsero l’allevamento dei tacchini in Inghilterra e nel nuovo continente.
In breve tempo la sua presenza divenne così massiva che si perse la memoria della provenienza di questa specie.
Oggi, infatti, gli americani spiegano che  il tacchino viene utilizzato perché è l’unico volatile abbastanza grande da sfamare l’intera famiglia riunita a tavola per questa ricorrenza, diventata Laica col tempo. Inoltre il tacchino è un animale sfruttato solo per la carne, quindi animali come la mucca e le galline sono considerati più preziosi.
Alcuni giorni prima del T-Day si svolge la cerimonia della grazia presidenziale (National Thanksgiving Turkey Presentation), risalente alla presidenza di Kennedy nel 1963, nella quale vengono risparmiati due tacchini dal Presidente in carica, i quali verranno usati come mascotte alla parata di Main Street a Disneyland (LA).

In cosa consiste il pranzo del Giorno del Ringraziamento?
Nel menù di quel primo Thanksgiving day erano presenti alimenti che oggi sono diventati tradizione, come il tacchino, la zucca e le patate dolci.
Il pranzo, in questo giorno così importante per gli statunitensi, consiste nella preparazione del piatto principale, ovvero il tacchino ripieno (stuffed turkey), che viene offerto anche ai vicini o alle persone più bisognose.
Il tacchino viene riempito con sale, pepe, verdure (cipolle, porri e carote), arance, pezzi di pane seccati al forno e imbevuti di brodo, burro e uova; per la cottura è importante che l’animale non tocchi direttamente la teglia da forno, ma è necessario che sia rialzato; una volta farcito in ogni suo centimetro disponibile e posizionato sulla teglia è opportuno versare sopra del brodo in modo tale che il tacchino non diventi secco durante le 3-4 ore in forno (la durata dipende dalla grandezza del tacchino).
I contorni più famosi sono:
Yam: ovvero patate dolci con zucchero di canna, marshmallows e burro, cotte al forno
Green beans casserole: fagiolini bolliti ricoperti di crema di funghi e formaggio grattugiato e successivamente cotti al forno
Salsa di mirtilli rossi
Smashed potatoes: purè di patate profumate all’aglio (e burro).
Torta di zucca o di mele
La particolarità di questo pranzo è che dolce e salato vengono serviti insieme. Quando si finisce di mangiare la tradizione vuole che si guardi la partita di Football con tutta la famiglia.